Sidebar

Anticorruzione

Anticorruzione

La legge n. 190 approvata dal legislatore italiano il 6 novembre 2012, avente ad oggetto “disposizioni per la prevenzione e la repressione della corruzione e dell’illegalità nella pubblica amministrazione”, contempera una serie di incombenze per ogni pubblica amministrazione, e, ulteriormente alla nomina del Responsabile della prevenzione della corruzione, dispone l’elaborazione del piano triennale di prevenzione della corruzione con il quale viene disegnata la strategia attuativa di prevenzione della corruzione per ciascuna amministrazione pubblica, a norma dell’articolo 54 del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165.
Come stabilito dal legislatore italiano, ogni Amministrazione deve provvedere ad individuare le attività di propria competenza che possono essere interessate dai fenomeni di corruzione ai sensi del comma 16 dell’art. 1 della legge 190/2012.
Queste azioni di monitoraggio delle attività a rischio e delle condizioni che favoriscono il verificarsi di casi di maladministration, nonché l' individuazione di interventi mirati a contrastare i fenomeni di corruzione, attraverso la definizione di target operativi e la diffusione di buone pratiche, devono essere realizzate dal Responsabile dell’anticorruzione attraverso il coinvolgimento dei Dirigenti, come disposto dall’art. 1 comma 9, legge 190/2012.
Un'amministrazione che contrasta l'illegalità è un'amministrazione che opera ed agisce al servizio della comunità, assolvendo così pienamente alla funzione istituzionale che le è propria.

x

Iscriviti alla Newsletter della Trasparenza